martedì 1 maggio 2012

Biscotti per Beethoven


Prima di andare a conoscere il cagnolino dei loro cugini, le bimbe hanno preparato dei deliziosi biscotti, per noi...non per il cagnolino Beethoven

Una pigna gonfia e matura si staccò da un ramo di abete e rotolò giù per il costone della montagna, rimbalzò su una roccia sporgente e finì con un tonfo in un avvallamento umido e ben esposto. Una manciata di semi venne sbalzata fuori dal suo comodo alloggio e si sparse sul terreno.
“Urrà!” gridarono i semi all’unisono. “Il momento è venuto!”
Cominciarono con entusiasmo ad annidarsi nel terreno, ma scoprirono ben presto che l’essere in tanti provocava qualche difficoltà.
“Fatti un po’ più in là, per favore!”
“Attento! Mi hai messo il germoglio in un occhio!”.
E così via.
Comunque, urtandosi e sgomitando, tutti i semi si trovarono un posticino per germogliare. Tutti meno uno.
Un seme bello e robusto dichiarò chiaramente le sue intenzioni: “Mi sembrate un branco di inetti! Pigiati come siete, vi rubate il terreno l’un con l’altro e crescerete rachitici e stentati. Non voglio avere niente a che fare con voi. Da solo potrò diventare un albero grande, nobile e imponente. Da solo!”.
Con l’aiuto della pioggia e del vento, il seme riuscì ad allontanarsi dai suoi fratelli e piantò le radici, solitario, sul crinale della montagna. Dopo qualche stagione, grazie alla neve, alla pioggia e al sole divenne un magnifico giovane abete che dominava la valletta in cui i suoi fratelli erano invece diventati un bel bosco che offriva ombra e fresco riposo ai viandanti e agli animali della montagna. Anche se i problemi non mancavano.
“Stai fermo con quei rami! Mi fai cadere gli aghi”.
“Mi rubi il sole! Fatti più in là…”.
“La smetti di scompigliarmi la chioma?”.
L’abete solitario li guardava ironico e superbo. Lui aveva tutto il sole e lo spazio che desiderava. Ma una notte di fine agosto, le stelle e la luna sparirono sotto una cavalcata di nuvoloni minacciosi. Sibillando e turbinando il vento scaricò una serie di raffiche sempre più violente, finchè devastante sulla montagna si abbattè la bufera. Gli abeti nel bosco si strinsero l’un l’altro, tremando, ma proteggendosi e sostenendosi a vicenda.
Quando la tempesta si placò, gli abeti erano estenuati per la lunga lotta, ma erano salvi. Del superbo abete solitario non restava che un mozzicone scheggiato e malinconico sul crinale della montagna.
Dio non ha creato “io”. Ha creato “noi”.
                                   Bruno Ferrero



Ingredienti:
farina 00 g. 500
burro a temperatura ambiente g. 150
olio extra vergine d’ oliva g. 50
zucchero g. 200
latte g. 25
miele un cucchiaino
sale un pizzico
lievito chimico 1 bustina meno un cucchiaino
uova 2
Preparazione:
Impastare bene e insieme  tutti gli ingredienti o manualmente o con un robot


formate una striscia, tagliateli a pezzetti rettangolare, dare la forma di osso cospargere la superficie dei biscotti con un poco di zucchero e disporli distanziati sulla teglia.

infornare e cuocete a 180° per 12-14 minuti.






5 commenti:

  1. Beethowen è proprio fortunato perchè ci ruberei quei biscotti, saluti anna

    RispondiElimina
  2. Che bella storia!
    La leggerò a Francesco, mi piace molto, grazie per averla condivisa.
    Un'idea simpatica i biscotti a forma di osso,
    buona giornata,
    Amy

    RispondiElimina
  3. Mi piace molto la storia dei semini d'abete! E anche i biscottini che devono essere veramente buoni!!!
    Ho ritrovato e pubblicato la ricetta della marmellata di mirto!
    A presto!

    RispondiElimina
  4. ma che belli questi biscotti.....bellissimo il cagnolino !!!

    RispondiElimina
  5. Carinissima la storia e buonissimi i biscotti! Complimenti, è stato un piacere passare da te, mi unisco ai tuoi followers così potrò seguirti, se ti va passa pure da me!A presto...Molly

    RispondiElimina