venerdì 20 aprile 2012

torta spongebob 2 con pasta di zucchero

Un' altra torta decorata con pasta di zucchero, questa è la volta di Spongebob ed i suoi amici, è stato facile perchè abbiamo rivestito il panettone con la pasta di zucchero , fatto una colata di zucchero  per formare l' effetto schiuma del mare , un pò di zucchero dorato  per ricreare l' isoletta e i personaggi del cartone animato di Spongebob della Lego (regalo di compleanno della bimba...).

"Il piccolo mago era sempre stato allegro e di buon umore. Ma negli ultimi tempi, veniva assalito da improvvise tristezze e pensieri pieni di nuvoloni neri.Le mele sono mature, pensava, e io non ho nessuno con cui condividere una bella mela rossa. I funghi sono cresciuti nel bosco, ma non c'è nessuno che viene a raccoglierli con me per fare insieme una squisita pizza ai funghi. E sospirava pensando a come sarebbe stato
bello avere un amico.
Un giorno passò di là un ragazzo. Lesto il piccolo mago uscì dalla sua casetta nel bosco e gli domandò:
"Vuoi essere mio amico?".
"Ho già un amico, si chiama Mariolone" rispose il ragazzo e continuò la sua strada.
Allora il piccolo mago andò a trovare il leprotto e gli chiese: "Vuoi essere mio amìco?..."
Ma il ieprotto si accontentÒ di scuotere la testa e fare "no" con le lunghe orecchie. La stessa cosa risposero il capriolo, il cinghiale e il boscaiolo.
"Tanto peggio per voi!" pensÒ il piccolo mago.
"Io posso farmi un amico perfetto con un colpo di bacchetta magica". Salì su una grossa pietra, si avvvolse nel mantello blu picchiettato di stelle dorare, alzò la bacchetta e pronunciò una formula magica. Poi chiuse gli occhi, perché voleva farsi una sorpresa, e quando li aprì, accanto a lui era ferma una minuscola civetta.
"Abracada... braccidenti!" esclamÒ sorpreso il piccolo mago, "mi ero immaginato un amico un po' più grosso".
"Un amico non si può fabbricare con un colpo di bacchetta magica" dichiarò la civetta, aprendo e chiudendo gli occhi grossi e tondi. "Un amico, bisogna meritarlo e guadagnarselo. E poco importa se è piccolo o grosso!".
Allora il piccolo mago si sforzò di guadagnarsi l'amicizia della piccola civetta. Cantavano insieme, giocavano agli indovinelli e il piccolo mago portava la civetta a passeggio tenendola sulla sua mano. Così un giorno si accorsero che erano diventati veramente amici ed era una cosa stupenda.
Ma un giorno, vagabondando nel bosco, giunsero in una dorata radura di faggi.
"Guarda" esclamò subito la civetta e indicò una cavità nera nel tronco di un albero. "È là che voglio abitare!".
"Ma", obiettò il piccolo mago, "tu non puoi abbandonarmi. Tu sei mio amico".
"Si" rispose la civetta, che era già scivolata nella cavità dell'albero, "ma io sono una civetta e una civetta deve abitare in un albero. È sempre stato così! Per favore, dammi il permesso! Io sarò felice. E chi ama veramente un amico, deve aiutarlo ad essere felice".
"Chi ama veramente un amico, deve aiutarlo ad essere felìce" ripeté lentamente il piccolo mago.
E così sono rimasti amici per sempre."
"Un amico non si può fabbricare con un colpo di bacchetta magica. Un amico, bisogna meritarlo e guadagnarselo. E poco importa se è piccolo o grosso".Bruno Ferrero




Ingredienti:

1 pan di spagna rotondo
ricotta condita con zucchero e cioccolato per farcire la torta
panna
pasta di zucchero di cui ricopio la ricetta per prepararne circa 500g. :

450 gr zucchero a velo,quello  che si compra e  non  quello fatto in casa.
 30 ml acqua
5 gr colla pesce (quella pane degli angeli va bene )
50 gr miele o   glucosio

Preparazione della pasta di zucchero:
Lasciate ammorbidire per 10 minuti  la gelatina in una ciotola che avrete riempito con acqua fredda.
In un pentolino mettete burro,miele  o  glucosio,  acqua e la gelatina ben strizzata e far  sciogliere a fiamma dolce senza portare ad ebollizione ,occorre meno di un minuto.
Versate  sullo zucchero a velo e impastate finchè si ottiene un bel panetto compatto, io l' ho preparato col kenwood e quando si è formata una palla ho spento .
 Quando avete finito di impastare, mettere il composto ,che sarà abbastanza molle, su una spianatoia con zucchero a velo e conservarlo  nella pellicola trasparente e fatela riposare 12 ore a temperatura ambiente, non in frigo, in questo modo lo zucchero avrà il tempo di assorbire l'umidità in eccesso.
NON aggiungete tantissimo zucchero a velo perchè vi sembra appiccicosa e molliccia perchè dopo si  indurirà.
La pasta di zucchero avvolta in pellicola trasparente e chiusa in un contenitore ermetico si mantiene per molto tempo

Preparazione:
tagliare in due il panettone, inzuppare con la bagna la base  e condire con panna,crema o ricotta, e adagiare sopra l' altra parte e ricoprire con la panna che servirà per per far aderire bene la pasta di zucchero
Stendere la pasta di zucchero



e rivestire il panettone, togliere la parte in eccesso ed iniziare a decorare, per "incollare" i pesciolini li ho spennellati con glucosio, ma pure l' acqua va bene 
Poi ho versato un poco di glassa preparata con lo zucchero a velo e gocce di limone per creare l' effetto della schiuma delle onde

e continuare con la decorazione dell' isola e il posizionamento di Spongebob e dei suoi  amici...





6 commenti:

  1. fantastica sei bravissima commplimenti

    RispondiElimina
  2. Che bella questa storia, una morale su cui riflettere. E la tua torta bellissima, complimenti ^_^ Buon we, a presto

    RispondiElimina
  3. Brava Lea sei diventata sempre + brava.baci a tutti

    RispondiElimina
  4. Ciao Lea ! che belli i tuoi intermezzi di saggezza ! Tra una splendida torta e l'altra riesci a parlarci di amicizia... ciao, complimenti la torta è uno spettacolo !

    RispondiElimina
  5. Per una torta di questo tipo non saprei come fare...sono negata per le decorazioni.Bravissima.
    Grazie Lea per gli auguri al mio blog,un abbraccio.

    RispondiElimina
  6. Bellissime come sempre le perle di saggezza che ci regali! la torta è carinissima! adoro spongebob! ciao cara!

    RispondiElimina