martedì 7 dicembre 2010

panna cotta


Semplice e molto,molto buona


"C'era una volta un ragazzo con un bruttissimo carattere.Suo padre gli
diede un sacchetto di chiodi e gli disse di piantarne uno sul muro del giardino
ogni volta che avrebbe perso la pazienza e avrebbe litigato con qualcuno. Il
primo giorno ne piantò 37 nel muro. Le settimane successive, imparò a
controllarsi, ed il numero di chiodi piantati diminuì giorno dopo giorno: aveva
scoperto che era più facile controllarsi che piantare chiodi. Infine, arrivò un
giorno in cui il ragazzo non piantò nessun chiodo sul muro.Allora andò da suo
padre e gli disse che quel giorno non aveva piantato nessun chiodo. Suo padre
gli disse allora di togliere un chiodo dal muro per ogni giorno in cui non
avesse mai perso la pazienza. I giorni passarono e infine il giovane poté dire a
suo padre che aveva levato tutti i chiodi dal muro. Il padre condusse il figlio
davanti al muro e gli disse : " Figlio mio, ti sei comportato bene, ma guarda
tutti i buchi che ci sono sul muro. Non sarà mai come prima. Quando litighi con
qualcuno e gli dici qualcosa di cattivo, gli lasci una ferita come questa.Puoi
piantare un coltello in un uomo e poi tirarglielo via, ma gli resterà sempre una
ferita. Poco importa quante volte ti scuserai, la ferita resterà. Una ferita
verbale fa male tanto quanto una fisica. "

Bruno Ferrero


Ingredienti:
panna da cucina lt. 1
zucchero a velo g. 100
zucchero di canna g. 100
colla di pesce 4 fogli

Preparazione:
in una pentola sciogliere lo zucchero con la panna a fuoco moderato















ammorbidire la colla di pesce in acqua fredda per 5 minuti










appena spenti i fornelli aggiungere alla panna la colla di pesce ben strizzata e versare il tutto in una forma alla cui base avremmo aggiunto della marmellata































o del caramello











e far riposare 12 ore in frigo.
Possiamo anche non aggiungere nulla alla base e servire con salsa di frutta fresca

4 commenti:

  1. ne posso avere un piattino di questa bontà
    un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Bravissima come di solito...complimenti x il pandoro e la panna.ciao da tutti noi a presto qua c'è un po' di neve.dorina

    RispondiElimina
  3. Ciao,
    La storia dei chiodi è favolosa, la conoscevo già, ma ogni volta che la rileggo è come se fosse la prima..
    Per la pannacotta bèh.. credo che non esista anima viva che non ne vorrebbe un pezzettino :D

    RispondiElimina
  4. mmmmmmmmmmmm la mia preferita è con il caramello da quel tocco in più.
    Il pandoro è bellissimo sicuramente anche buonissimo voglio provarci anche io speriamo che mi riesca.
    Grazie per essere passata dal mio blog.
    Ciao
    baci

    RispondiElimina